Warning: Use of undefined constant HTTP_USER_AGENT - assumed 'HTTP_USER_AGENT' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/mariti16/public_html/wp-content/themes/mari/header.php on line 1
Fonti editoriali e disturbo della condotta che controlla i fatti – MaritimePremier
29 Apr
0
April 29, 2020
blog

Fonti editoriali e disturbo della condotta che controlla i fatti

Come viene trattato il disturbo della condotta nei bambini?

Il fattore prostatricum farmacia più importante nel trattamento dei bambini con disturbi della condotta è il coinvolgimento di tutta la famiglia, afferma il dottor McCarthy. “Se i genitori e altre importanti figure adulte sono emotivamente presenti, premurosi, responsabili e adeguatamente autorevoli e se servono come modelli di ruolo per dimostrare sensibilità, compassione e comportamento morale”, sono possibili risultati positivi nel trattamento.

Ma non è semplice, in parte perché molti bambini con questo e disturbi correlati spesso vivono in un tipo di ambiente familiare che lavora contro o peggiora i loro problemi, aggiunge.

 

Ecco uno sguardo agli approcci di trattamento per la CD:

Cosa non funziona: punizione I bambini con disturbo della condotta tendono a essere insensibili alla punizione; semplicemente non è efficace perché potrebbero non avere la capacità di provare rimorso, dice Michalska. Cosa può funzionare: terapia multisistemica Si tratta di un trattamento intensivo che richiede la collaborazione di tutta la famiglia. In genere coinvolge terapisti che lavorano a stretto contatto con il bambino e la famiglia per modificare gli aspetti problematici dell’ambiente del bambino, come il caos e la disorganizzazione. “Potremmo esaminare alcuni aspetti dell’ambiente e cercare di sostituire le cose che sono più appropriate”, afferma Michalska. Numerosi studi hanno dimostrato che può essere efficace. (4) Cosa potrebbe lavoro: farmaci “A volte i farmaci stimolanti, come quelli per il trattamento dell’ADHD, sembrano essere efficaci”, dice Michalska, ma ciò può essere dovuto al fatto che l’ADHD è spesso in comorbidità con la MC. Circa il 16-20% dei bambini con disturbo della condotta ha anche l’ADHD. (2)

Quando preoccuparsi del disturbo della condotta

Per quanto gravi e spaventosi siano chiaramente i segni e i sintomi della MC, è importante ricordare che molti bambini semplicemente crescono fuori da questo tipo di comportamenti. Ma c’è ancora motivo di preoccupazione, dice Michalska, in particolare se i sintomi più gravi si verificano nei bambini prima dei 7 o 8 anni, perché ciò potrebbe indicare l’intrattabilità. “Se vedi i tratti CD nella prima infanzia, questo di solito porta a problemi più cronici, più persistenti ea lungo termine”, dice.

Se i genitori o altri adulti vedono motivo di preoccupazione per i bambini che assumono questi comportamenti mostrare una mancanza di empatia o rimorso, “consultare un professionista della salute mentale qualificato e ben addestrato con esperienza di lavoro con i giovani a rischio è il primo e più importante passo”, dice McCarthy.

Iscriviti alla nostra Newsletter per una vita sana!

Fonti editoriali e verifica dei fatti

Disturbo della condotta. Accademia americana del bambino Psicologia dell’adolescenza. Giugno 2018. Lillig M. Disturbo della condotta: riconoscimento e gestione. Medico di famiglia americano. 15 novembre 2018. Mohan L, Ray S. Conduct Disorder. StatPearls. 10 dicembre 2019 Weiss B, Han S. et al. Uno studio clinico randomizzato indipendente di terapia multisistemica con adolescenti non deferiti al tribunale con gravi problemi di condotta. Giornale di consulenza e psicologia clinica. 1 marzo 2014. Mostra meno

Le ultime novità nel disturbo antisociale di personalità

Demi Lovato è la California sobria: cosa significa ed è sicura?

Scopri come questo approccio di “moderazione” potrebbe influire sulla tua salute.

Di Katie Williams, 23 aprile 2021

Cosa sta determinando l’impennata dei crimini anti-asiatici e come possiamo aiutare le vittime?

Le sparatorie ad Atlanta hanno evidenziato l’aumento dei crimini ispirati dall’odio contro gli asiatici americani. Cosa si sta facendo per affrontare la violenza e le ripercussioni sulla salute mentale. . .

Di Don Rauf, 25 marzo 2021

Un terapista parla: il vero spunto dall’intervista di Oprah a Meghan e Harry

L’intervista dell’anno ha rivelato problemi mentali che colpiscono molte più persone rispetto ai semplici membri della famiglia reale.  

Di Allison Young, MD, 18 marzo 2021

I 10 migliori alimenti per lenire la depressione stagionale

Un assortimento di cibi che stimolano il cervello e livellano il livello di zucchero nel sangue può aiutare ad alleviare i sintomi del disturbo affettivo stagionale (SAD).

Di Jessica Migala, 25 febbraio 2021

Salute mentale 2020 in poche parole: uno psichiatra riflette su un anno di terapia

Da un punto di vista professionale, il 2020 sarà sempre ricordato come l’anno in cui la pandemia e lo stress politico si sono scontrati.

Di Allison Young, MD, 16 febbraio 2021

Smart Health: ho provato la meditazione silenziosa di MindTravel e ha riacceso il mio zelo per la consapevolezza

Di Ashley Welch, 10 febbraio 2021

Quando l’universo ci consegna l’incertezza, cuociamo

Mentre la pandemia infuria, ho iniziato a cuocere per calmare i miei nervi. Così ha gran parte del paese. Perché?

Di Alicia Raeburn, 9 febbraio 2021

I migliori prodotti per alleviare lo stress e l’ansia

Ecco 10 gadget, dispositivi, app e libri per aiutarti a fare un respiro profondo, meditare e rilassarti in questi tempi stressanti.

Di Hedy Marks, 29 gennaio 2021

Il tuo piano di auto-cura in 10 punti per aumentare la resilienza durante l’inverno di COVID-19

Di fronte al continuo assalto di COVID-19, dobbiamo tutti rafforzare le pratiche di auto-cura che aiutano a migliorare la nostra resilienza. Ecco come.

Di Amit Sood, MD, 26 gennaio 2021

Caos in Campidoglio: come reagisci quando assisti a violenze e traumi, anche da lontano?

La folla inferocita che terrorizza l’edificio del Campidoglio ha esposto i legislatori nazionali a un livello di trauma e stress che la maggior parte non aveva mai sperimentato prima. Ma cosa. . .

Di Patrice A. Harris, MD, MA, FAPA, 7 gennaio 2021 “

Potrebbe non essere come essere allo stadio, ma guardare lo sport in TV può creare un punto di connessione nonostante le distanze fisiche. iStock; Salute quotidiana

Stadi vuoti. Meno giochi. I giocatori seduti fuori dalle competizioni si autoisolano dopo una possibile esposizione a COVID-19. L’epidemia di coronavirus ha drasticamente modificato il playbook per gli sport professionistici in questa stagione autunnale.

I principali campionati sportivi, dal calcio al baseball e al basket, hanno tutti trovato il modo di rimettersi in gioco adottando politiche per proteggere i giocatori e il personale. Ma non è stata una navigazione tranquilla.

La National Football League (NFL) ha avuto zero risultati positivi ai test dei giocatori nella settimana terminata il 19 settembre, secondo Bleacher Report. Ma i Tennessee Titans hanno chiuso le loro strutture fino a sabato dopo che tre giocatori e cinque membri del personale della squadra sono risultati positivi al coronavirus, secondo ESPN. I Minnesota Vikings, che domenica hanno giocato contro i Titans, hanno fatto lo stesso per precauzione.

Allo stesso modo, i Marlins e i Cardinals del baseball hanno dovuto posticipare le partite quando i giocatori hanno preso il virus, hanno osservato NPR e The New York Times.

Anche se assistere alle partite in diretta potrebbe essere ancora fuori discussione per la maggior parte, le competizioni vengono trasmesse su schermi grandi (e piccoli) in tutta l’America.

“Gli sport professionistici svolgono un ruolo interessante, ma spesso trascurato, nella salute pubblica”, afferma Sian Beilock, PhD, presidente del Barnard College di New York City ed ex professore di psicologia all’Università di Chicago. “Quando siamo investiti nel successo della nostra squadra del cuore, gli alti e bassi che gli atleti sperimentano sul campo possono influenzare il nostro benessere fisico, emotivo, mentale e sociale come appassionati di sport. “

Con le persone socialmente più isolate che mai, il dottor Beilock vede lo sport come un potenziale sbocco salutare. “Non vediamo l’ora di svolgere attività che ci ricordino tempi più felici e pre-COVID”, afferma. “Gli appassionati di sport, naturalmente, sono entusiasti della prospettiva di rivedere le loro squadre preferite in azione. “

Un’attività che solleva l’umore

Dopo aver vissuto per mesi sotto vari livelli di isolamento, gli americani hanno un disperato bisogno di una spinta emotiva. Uno studio pubblicato il 2 settembre su JAMA Network Open ha rilevato che 3 volte più adulti soddisfacevano i criteri per una diagnosi di depressione durante la pandemia rispetto a prima.

“In mezzo a tutta la continua incertezza e agitazione, impegnarsi di nuovo in qualcosa che è familiare – qualcosa che può essere una fonte di divertimento e che in genere fornisce uno sbocco per le persone – può potenzialmente aiutare in termini di miglioramento dell’umore generale”, afferma Kensa Gunter , PsyD, psicologo dello sport ad Atlanta e membro del consiglio esecutivo dell’Association for Applied Sport Psychology.

“Può anche essere utile in termini di cambiamento dei sentimenti generali delle persone che possiamo superare questo e reclamare alcuni aspetti della vita che erano temporaneamente non disponibili per noi a causa della pandemia, che possiamo tornare a una qualche versione della normalità”, afferma il dott. Gunter.

Una connessione con gli altri

Daniel Wann, PhD, professore di psicologia alla Murray State University del Kentucky, ha scritto sul Northern American Journal of Psychology che l’identificazione con una squadra sportiva è “correlata alla salute psicologica sociale perché si tradurrà in un aumento delle connessioni sociali con gli altri. “

Osserva che i fan che si identificano con una squadra locale hanno una maggiore autostima e sono meno soli.

Certamente, la connessione con gli altri è più difficile ora poiché le persone non possono partecipare alla maggior parte delle partite dal vivo e potrebbero non essere in grado di riunirsi con gli altri per guardare le competizioni.

“Gli eventi dal vivo creano un’esperienza condivisa difficile da ricreare in un ambiente virtuale”, afferma Beilock. “Fare il tifo per la tua squadra mentre sei seduto da solo sul tuo divano probabilmente non sarà così coinvolgente o genererà lo stesso senso di comunità tra gli appassionati di sport. Ma è meglio di niente! “

Aggiunge che la mancanza di fan dal vivo negli stadi potrebbe influire anche sulle prestazioni dell’atleta. Mentre alcuni membri del team si nutrono dell’energia della folla, altri possono provare ansia e ottenere risultati migliori senza che migliaia di persone guardino, secondo Beilock, che ha studiato il motivo per cui le persone soffocano sotto pressione e hanno tenuto un popolare TED Talk sull’argomento.

Mantenere il cervello acuto

Una ricerca dell’Università di Chicago ha dimostrato che guardare i giochi in televisione e parlarne con gli amici può illuminare il cervello. Gli scienziati hanno osservato che una regione del cervello solitamente collegata alla pianificazione e al controllo delle azioni viene attivata quando i fan ascoltano le conversazioni sul loro sport. Hanno notato che le connessioni neurali relative all’abilità linguistica e alla comprensione sono migliorate tra coloro che hanno guardato gli eventi sportivi.

Un bonus fisico

Alcuni immaginano uno stereotipato appassionato di sport come un teledipendente che beve birra e mangia snack. Il Dr. Wann, che è l’autore di Sport Fans: The Psychology and Social Impact of Spectators, afferma in un’intervista alla CNN che “gli appassionati di sport sono piuttosto attivi fisicamente, politicamente e socialmente. “

Se guardi un torneo emozionante mentre sei intrappolato all’interno evitando il virus, l’esperienza potrebbe aumentare il tuo benessere fisico. Uno studio del 2017 pubblicato nell’ottobre 2017 sul Canadian Journal of Cardiology ha rilevato che gli spettatori che guardano l’hockey in TV hanno aumentato la frequenza cardiaca in media del 75%, l’equivalente di un allenamento moderato.

Il rovescio della medaglia, troppo stress cardiaco alimentato dallo sport può essere una brutta cosa. Uno studio pubblicato nell’ottobre 2015 sull’European Journal of Preventive Cardiology ha dimostrato come un aumento dei ricoveri ospedalieri in Nuova Zelanda per insufficienza cardiaca sia correlato alla visione del Torneo della Coppa del Mondo di rugby durante una sconfitta in semifinale della squadra nazionale di rugby. Un’indagine separata pubblicata nel giugno 2018 sull’American Journal of Cardiology ha descritto un aumento degli arresti cardiaci in Giappone che si sono verificati fuori dall’ospedale durante la Japan Professional Baseball Championship Series.

Beilock suggerisce che guardare lo sport può motivare i fan a diventare attivi e iniziare a fare esercizio regolarmente. In alcuni casi, i fan possono combinare il loro spettacolo con un allenamento. “Guardare una partita in TV di solito fa passare molto velocemente un’ora sul tapis roulant”, dice.

Una fonte di speranza

Per Gunter, lo sport riunisce elementi che rappresentano il meglio dell’umanità e possono offrire speranza in questo periodo difficile.

“In questa esperienza condivisa, le persone possono identificarsi collettivamente o radunarsi attorno a caratteristiche come la competizione, il lavoro di squadra, testimoniare la volontà dello spirito umano, esplorare le emozioni, affrontare una sfida e all’altezza dell’occasione – tutti elementi della vita quotidiana, “Dice Gunter. “Guardare lo sport può creare un ulteriore punto di connessione anche in un momento di distacco fisico. “

Iscriviti alla nostra newsletter sugli aggiornamenti sul coronavirus!

Le ultime novità sul Coronavirus

È sicuro abbracciarsi in un mondo parzialmente vaccinato?

Forse non abbracci i tuoi genitori o i tuoi nonni da più di un anno. È sicuro fare una stretta se tutti sono vaccinati contro COVID-19. . .

Di Becky Upham, 28 aprile 2021

La pandemia sta esacerbando i problemi di salute mentale negli americani con insicurezza alimentare

Il numero di famiglie alle prese con l’insufficienza alimentare era diminuito negli Stati Uniti, ma è tornato ai livelli di Grande recessione durante la pandemia. . .

Di Zachary Smith, 26 aprile 2021

Rintraccia il vax: attenzione dell’acquirente: lotta contro la frode del vaccino COVID-19

I vaccini sono gratuiti negli Stati Uniti, ma questo non impedisce ai cattivi attori di cercare di convincerti del contrario.

Di Serena Marshall, 22 aprile 2021

Tieni traccia del Vax: le donne sperimentano COVID-19 e i vaccini in modo diverso dagli uomini?

Le donne sono state particolarmente colpite dal virus stesso e dagli effetti collaterali dei vaccini.

Di Serena Marshall, 22 aprile 2021

Monitorare il Vax: Capire i motivi dell’esitazione del vaccino COVID-19

Perché alcune persone sono riluttanti a rimboccarsi le maniche e cosa c’è di sbagliato nel voler essere pienamente informati?

Di Serena Marshall, 21 aprile 2021

Lo studio mostra alcune vitamine e integratori legati al rischio ridotto di COVID-19 nelle donne

Non correre ancora in farmacia per fare scorta: i dati del sondaggio sono tutt’altro che conclusivi, afferma il team di ricerca.

Di Carmen Chai, 20 aprile 2021

Vaccinato contro COVID-19 ma ancora ansioso? Non sei solo

Ti senti nervoso anche dopo aver ricevuto il tuo vaccino COVID-19? Gli esperti dicono che è naturale. Ecco perché e cosa fare al riguardo.

Di Kaitlin Sullivan, 16 aprile 2021

Perché le donne della generazione X non hanno dormito bene durante la pandemia

La Gen Xer Ada Calhoun ha scritto un libro sul perché molte donne come lei tendono ad affrontare una crisi di mezza età unica. Poi una pandemia globale. Ecco la sua opinione su come. . .

Di Abby Ellin, 9 aprile 2021

COVID-19 è il motivo per cui stai perdendo i capelli?

Se ti ritrovi a perdere i fili, lo stress COVID potrebbe essere il colpevole.

Di Jessica Migala, 30 marzo 2021

Monitorare il Vax: il sistema di sicurezza dei vaccini COVID per il monitoraggio degli effetti collaterali funziona?

Le agenzie sanitarie continuano a monitorare la sicurezza dei vaccini, ma quando i loro dati saranno disponibili al pubblico?

Di Serena Marshall, 29 marzo 2021, vedi tutto

Depositphotos. com

Se hai mai provato a perdere peso, probabilmente hai desiderato di poter accelerare il tuo metabolismo e bruciare calorie più facilmente. I programmi di perdita di peso spesso promettono di fornire segreti per “stimolare il metabolismo”, ma chi è esperto di dieta dovrebbe sapere che molti di questi sono solo espedienti.

Molte teorie sul metabolismo sono falsamente radicate nell’idea che ci siano cibi o bevande particolari che aumenteranno magicamente la tua capacità di bruciare calorie. Mentre la maggior parte dei nutrizionisti concorda sul fatto che mangiare pasti a base di cereali integrali e proteine ​​magre sia una pratica dietetica sana, questo approccio in realtà non ti aiuterà a bruciare calorie più velocemente. Nemmeno i cibi “brucia grassi” come il pompelmo o il cavolo.